La mia casa è un un aereoplano

Nella mia vita ne ho viste di case pittoresche ed originali,
soprattutto nei Paesi poveri è facile trovare abitazioni di ogni genere e condizione.

Case di lamiera, case di fango, case di cartone o spazzatura, case sugli alberi;  l'importante, in situazioni di necessità è assicurarsi un tetto sopra la testa.

Nel Salar de Uyuni, il deserto di sale più grande al mondo che si trova tra Cile e Bolivia, ho dormito in una casa bianca e trasparente, completamente fatta di sale.

Qualche anno fa ho trascorso l'estate in Congo, un giorno passeggiando nei pressi di Goma mi sono imbattuto nel relitto di un aereo precipitato chissà da quanto tempo; mentre realizzavo la sorpresa di trovare un aereo così sperduto tra la natura incontaminata africana, rimasi esterrefatto vedendo diverse persone del posto entrare e uscire dal relitto.

Non riuscivo a credere ai miei occhi, intere famiglie vivevano in quell'aereoplano, vecchi , bambini, uomini e donne avevano trovato dimora dentro quello che rimaneva del velivolo!

Tra tutte le "case" più o meno improbabili, quella, non posso scordarla.

Poi sono tornato in Italia dove non si parlava d' altro che della crisi e dell' Imu sulla prima, la seconda e la terza casa.




Nessun commento:

Posta un commento