OMNIA VINCIT AMOR, l'amore trionfa su tutto

Ieri, lunedì 30 ottobre, alle ore 16:30, presso il Museo degli Sport di Combattimento, abbiamo inaugurato la mostra OMNIA VINCIT AMOR (celebre verso virgiliano), l'amore trionfa su tuttoDurante la presentazione in aula magna sono state lette poesie e cantate, a suon d’organetto, canzoni d’amore della tradizione romana.

In un contesto storico divisivo e conflittuale, come quello odierno, abbiamo necessità urgente di messaggi di bellezza e di speranza per non cedere alla disperazione, alla sfiducia e allo sconforto; la dignità dell’artista consiste nel suo dovere di tenere acceso il senso di meraviglia nel mondo.

Personalmente ho partecipato con questo tondo, uno studio preparatorio dal titolo “CANZONE D’AMORE, Alba di Speranza”. L’opera rappresenta un sole che sorge e cresce assieme ad un altro tondo, quello della pancia di una mamma che aspetta con fiducia il suo bambino, accarezzato anche dalla sorellina.

La mostra in Via dei Sandolini, 79 - 00122 Ostia Lido (Roma), resterà aperta fino al 31 marzo 2024 e vi invito caldamente a visitarla, anche perchè il centro Olimpico FIJLKAM, è un'opera d'arte in sè! Per invogliarvi ulteriormente, pubblico le foto di alcune delle opere in mostra.

All’inaugurazione erano presenti il Presidente della FIJLKAM, Domenico Falcone, la vicepresidente del X Municipio, Valentina Prodon, e numerose personalità della Cultura e dello Sport.

La mostra d’arte Omnia vincit amor, ideata e allestita dall’architetto Livio Toschi, Direttore artistico del Polo Culturale FIJLKAM, ha ricevuto il patrocinio del CONI, del Municipio Roma X, dell’Accademia Olimpica Nazionale Italiana, dell’Associazione Nazionale Stelle al Merito Sportivo, del Comitato Nazionale Italiano per il Fair Play, dell’Unione Italiana Collezionisti Olimpici e Sportivi e dell’Unione Nazionale Associazioni Sportive Centenarie.






































Giubileo 2025 – Pellegrini di Speranza - Progetto di lavoro iconografico

 


 

Come rappresentare attraverso la pittura iconica la SPERANZA?

 

Facendo seguito al fruttuoso lavoro sull’iconografia della Santa Famiglia, ma soprattutto rispondendo all’appello del Santo Padre a prepararci alla celebrazione del Giubileo del 2025, che avrà come motto «Pellegrini di speranza», la Scuola iconografica di Seriate, in collaborazione con l’UCAI (Unione Cattolica Artisti Italiani), propone a tutti gli interessati un nuovo itinerario di riflessione e di impegno creativo sul tema della speranza, che possa sfociare nella creazione di opere iconiche legate alla tradizione e nel contempo espressive delle attese religiose e della fede degli uomini del nostro tempo. Tale, del resto, è stata l’iconografia cristiana di tutte le epoche: lungi dal ridursi a copia meccanica di modelli dati una volta per sempre, ha sempre saputo parlare al cuore dei suoi contemporanei.

 

«Dobbiamo tenere accesa la fiaccola della speranza che ci è stata donata, e fare di tutto perché ognuno riacquisti la forza e la certezza di guardare al futuro con animo aperto, cuore fiducioso e mente lungimirante. Il prossimo Giubileo potrà favorire molto la ricomposizione di un clima di speranza e di fiducia, come segno di una rinnovata rinascita di cui tutti sentiamo l’urgenza. Per questo ho scelto il motto Pellegrini di speranza».

dalla Lettera di Papa Francesco in preparazione al Giubileo, 11 febbraio 2022

 

Possibili passi di un cammino

Il lavoro potrebbe svolgersi nel corso dell’anno 2024, comprendendo alcune lezioni che possano offrire spunti di meditazione spirituale e di conoscenza artistico-culturale. Ci sembra che questa prima parte sia essenziale, proprio perché l’icona nasce innanzitutto da una maturazione dell’esperienza di fede e dalla contemplazione del Mistero, non è riducibile alla ricerca di schemi e soluzioni pittoriche più o meno azzeccate.

A. Un ciclo di 4/5 lezioni (in presenza e/o online), che si svolgeranno con cadenza mensile da gennaio ad aprile 2024, a cura di esperti di livello internazionale, sui seguenti temi:

  1. Il tema della Speranza nella Sacra Scrittura
  2. Il tema della Speranza nella patristica

3/4. Il tema della Speranza nella pittura dell’epoca della Chiesa indivisa

e nella tradizione orientale (in particolare, bizantina e russa)

  1. Il tema della Speranza nella pittura di tradizione occidentale

 

B. In maggio si potrebbe prevedere un primo incontro assembleare dei partecipanti al progetto, in cui condividere i frutti delle riflessioni maturate sia nell’approfondimento personale del tema della Speranza, sia in termini di proposta di bozzetti di opere legate a questo tema. Possiamo sempre contare sul valido consiglio e supporto di Irina Jazykova, probabilmente la più grande esperta vivente di icona contemporanea.

N.B.: Teniamo presente che l’icona per sua natura nasce ed esprime sempre un contenuto storico. Perciò, leggendo i brani della Scrittura e le interpretazioni datane dai Padri, si individueranno facilmente numerose piste, sia per il Nuovo che per l’Antico Testamento.

 

Possibili esiti pratici

Alla fine del percorso, le icone realizzate potrebbero dar luogo ad una mostra – come nel precedente progetto sulla Santa Famiglia.

Inoltre, sarà possibile partecipare con la propria opera al bando specifico sull’iconografia cristiana canonica previsto tra quelli che l’UCAI intende indire per selezione opere in vari ambiti artistici da esporre in mostra in occasione del Giubileo 2025.

Chiunque fosse interessato a partecipare al lavoro, è pregato di dare la propria adesione scrivendo entro il 30 novembre

 

2023 all’indirizzo:

iconedisperanza@russiacristiana.org

Potrà così ricevere informazioni e materiali sul progetto.




La Morte della Poesia



 “La morte della porpora” di Georges-Antoine Rochegrosse, (1914 circa) rappresenta la metropoli industriale come figura della “città dolente” sulla Terra, dove un uomo piange la morte della poesia mentre in lontananza corrono i treni sulle rotaie e le fabbriche producono ricchezza.

Non si può guardare questo dipinto senza porsi la tragica domanda: È veramente scomparsa la poesia dal mondo, o siamo diventati piuttosto incapaci di riconoscerla? La nostra società consumistica sottovaluta, svilisce, distorce il significato della bellezza, degradando ogni cosa a valore di scambio o di conquista, a strumento per produrre inganno, adulazione, dominio.

Per abitare poeticamente la terra, abbiamo bisogno di poesia, abbiamo bisogno di poeti, soprattutto quando la poesia sembra scomparsa e i poeti ormai estinti.

L’esistenza è costantemente esposta al sacro, ma la facoltà di vedere dell’uomo è drammaticamente in declino. Abbiamo perso lo sguardo contemplativo sul mondo, lo sguardo capace di capire l’interdipendenza degli uomini; Siamo in grado di decifrare in modo microscopico tutto ciò che esiste, siamo in grado di analizzare la composizione chimica, di misurare le proprietà energetiche di ogni cosa ma non siamo più in grado di discernere i nessi che esistono tra le miriadi delle cose create.

L’umanità ferita è alla ricerca della bellezza, abbiamo bisogno di riscoprire la poeticità dello stare al mondo e non c’è intelligenza artificiale o algoritmo che può aiutarci in questo.

Scrive Todorov nel suo libro dal titolo significativo, “Il trionfo dell’artista”: “I detentori del potere sono capaci di annientare quelli che vogliono sottomettere, ma non hanno alcuna presa sui valori estetici, etici, spirituali, provenienti dalle opere prodotte da questi artisti…Senza queste opere l’umanità non potrebbe sopravvivere, né allora né oggi. È qui il trionfo dei fragili eroi del nostro racconto”.

Quanto sarebbe bello restituire agli artisti la loro vocazione di fragili eroi; da qui vorrei ripartissimo, dai valori estetici, etici e spirituali senza i quali l’umanità non potrebbe sopravvivere, dalla bellezza attraverso la quale il mondo si salva! Affermiamo ed amiamo la bellezza, in essa s’incarna il senso della vita che non perisce, si tratta di salvare l’umano nell’uomo, di salvare il senso stesso della vita umana contro il caos e l’assurdo. Il mondo ha bisogno di sognare e se gli artisti i musicisti e i poeti smettono di farlo, chi potrà continuare ad alimentare i sogni!

“Si se calla el cantor calla la vida, porquè la vida misma es toda un canto” dice una meravigliosa canzone di Horacio Guarany.

Lasciamoci sedurre dalla bellezza che unisce l’oriente e l’occidente, dalla verità che unisce tutto e tutti e saremo servitori disposti a sperimentare il primato delle grazie spirituali e carismatiche sulle miserie e sulle paure del nostro tempo; allora saremo capaci di far vibrare l’anima dei nostri fratelli con la stessa bellezza che ha incendiato il nostro cuore condividendo con loro un orizzonte bello, nuovo e sorprendente.

Francesco Astiaso Garcia

Shalom

Shalom



Il nostro parlare non deve essere pieno di morte e porte chiuse. 

Al contrario, le nostre parole devono essere creative, 

dare vita, creare prospettive, aprire orizzonti.


 Gerusalemme 24 Ottobre 2023

 

Carissimi, il Signore vi dia pace!

Stiamo attraversando uno dei periodi più difficili e dolorosi della nostra storia recente. Da or-mai più di due settimane siamo stati inondati da immagini di orrore, che hanno risvegliato traumi antichi, aperto nuove ferite, e fatto esplodere dentro tutti noi dolore, frustrazione e rabbia. Molto sembra parlare di morte e di odio senza fine. Tanti “perché” si accavallano nella nostra mente, facendo aumentare così il nostro senso di smarrimento.

Tutto il mondo guarda a questa nostra Terra Santa, come ad un luogo che è causa continua di guerre e divisioni. Proprio per questo è stato bello che qualche giorno fa, tutto il mondo fosse invece unito a noi con una giornata di preghiera e di digiuno per la pace. Uno sguardo bello sulla Terra Santa e un importante momento di unità con la nostra Chiesa. E questo sguardo continua. Il prossimo 27 ottobre il Papa ha indetto una seconda giornata di preghiera e di digiuno, perché la nostra intercessione continui. Sarà una giornata che celebreremo con convinzione. È forse la cosa principale che noi cristiani in questo momento possiamo fare: pregare, fare penitenza, intercedere. E di questo ringraziamo il Santo Padre di vero cuore.

In tutto questo frastuono dove il rumore assordante delle bombe si mischia alle tante voci di dolore e ai tanti contrastanti sentimenti, sento il bisogno di condividere con voi una parola che abbia la sua origine nel Vangelo di Gesù, perché in fondo è da lì che tutti noi dobbiamo partire e lì dobbiamo sempre ritornare. Una parola di Vangelo che ci aiuti a vivere questo tragico momento unendo i nostri sentimenti a quelli di Gesù.

Guardare a Gesù, ovviamente, non significa sentirci esonerati dal dovere di dire, denunciare, richiamare, oltre che consolare e incoraggiare. Come abbiamo ascoltato nel Vangelo di domenica scorsa, è necessario rendere “a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio” (Matt. 22,21). Guardando a Dio, vogliamo dunque, innanzitutto, rendere a Cesare ciò che è suo.

La coscienza e il dovere morale mi impongono di affermare con chiarezza che quanto è avvenuto il 7 ottobre scorso nel sud di Israele, non è in alcun modo ammissibile e non possiamo non condannarlo. Non ci sono ragioni per una atrocità del genere. Si, abbiamo il dovere di affermarlo e denunciarlo. Il ricorso alla violenza non è compatibile col Vangelo, e non conduce alla pace. La vita di ogni persona umana ha una dignità uguale davanti a Dio, che ci ha creati tutti a Sua immagine.

La stessa coscienza, tuttavia, con un grande peso sul cuore, mi porta oggi ad affermare con altrettanta chiarezza che questo nuovo ciclo di violenza ha portato a Gaza oltre cinquemila morti, tra cui molte donne e bambini, decine di migliaia di feriti, quartieri rasi al suolo, mancanza di medicinali, acqua, e beni di prima necessità per oltre due milioni di persone. Sono tragedie che non sono comprensibili e che abbiamo il dovere di denunciare e condannare senza

riserve. I continui pesanti bombardamenti che da giorni martellano Gaza causeranno solo morte e distruzione e non faranno altro che aumentare odio e rancore, non risolveranno alcun

problema, ma anzi ne creeranno dei nuovi. È tempo di fermare questa guerra, questa violenza insensata.

È solo ponendo fine a decenni di occupazione, e alle sue tragiche conseguenze, e dando una chiara e sicura prospettiva nazionale al popolo palestinese che si potrà avviare un serio processo di pace. Se non si risolverà questo problema alla sua radice, non ci sarà mai la stabilità che tutti auspichiamo. La tragedia di questi giorni deve condurci tutti, religiosi, politici, società civile, comunità internazionale, ad un impegno in questo senso più serio di quanto fatto fino ad ora. Solo così si potranno evitare altre tragedie come quella che stiamo vivendo ora. Lo dobbiamo alle tante, troppe vittime di questi giorni, e di tutti questi anni. Non abbiamo il diritto di lasciare ad altri questo compito.

Ma non posso vivere questo tempo estremamente doloroso, senza rivolgere lo sguardo verso l’Alto, senza guardare a Cristo, senza che la fede illumini il mio, il nostro sguardo su quanto stiamo vivendo, senza rivolgere a Dio il nostro pensiero. Abbiamo bisogno di una Parola che ci accompagni, ci consoli e ci incoraggi. Ne abbiamo bisogno come l’aria che respiriamo.

“Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate co-raggio: io ho vinto il mondo!” (Gv 16,33).

Ci troviamo alla vigilia della passione di Gesù. Egli rivolge queste parole ai suoi discepoli, che di lì a poco saranno sballottati come in una tempesta di fronte alla Sua morte. Saranno presi dal panico, si disperderanno e fuggiranno, come pecore senza pastore.

Ma questa ultima parola di Gesù è un incoraggiamento. Non dice che vincerà, ma che ha già vinto. Anche nel dramma che verrà, i discepoli potranno avere pace. Non si tratta di una pace irenica campata in aria, né di rassegnazione al fatto che il mondo è malvagio e che non possiamo fare nulla per cambiarlo. Ma di avere la certezza che proprio dentro tutta questa malvagità, Gesù ha vinto. Nonostante il male che devasta il mondo, Gesù ha conseguito una vittoria, ha stabilito una nuova realtà, un nuovo ordine, che dopo la risurrezione sarà assunto dai discepoli rinati nello Spirito.

È sulla croce che Gesù ha vinto. Non con le armi, non con il potere politico, non con grandi mezzi, né imponendosi. La pace di cui parla non ha nulla a che fare con la vittoria sull’altro. Ha vinto il mondo, amandolo. È vero che sulla croce inizia una nuova realtà e un nuovo ordine, quello di chi dona la vita per amore. E con la Risurrezione e con il dono dello Spirito, quella realtà e quell’ordine appartengono ai suoi discepoli. A noi. La risposta di Dio alla domanda sul perché della sofferenza del giusto, non è una spiegazione, ma una Presenza. È Cristo sulla croce.

È su questo che si gioca la nostra fede oggi. Gesù in quel versetto parla giustamente di coraggio. Una pace così, un amore così, richiedono un grande coraggio.

Avere il coraggio dell’amore e della pace qui, oggi, significa non permettere che odio, vendetta, rabbia e dolore occupino tutto lo spazio del nostro cuore, dei nostri discorsi, del nostro pensare. Significa impegnarsi personalmente per la giustizia, essere capaci di affermare e denunciare la verità dolorosa delle ingiustizie e del male che ci circonda, senza però che questo inquini le nostre relazioni. Significa impegnarsi, essere convinti che valga ancora la pena di fare tutto il possibile per la pace, la giustizia, l’uguaglianza e la riconciliazione. Il nostro parlare non deve essere pieno di morte e porte chiuse. Al contrario, le nostre parole devono essere creative, dare vita, creare prospettive, aprire orizzonti.

Ci vuole coraggio per essere capaci di chiedere giustizia senza spargere odio. Ci vuole coraggio per domandare misericordia, rifiutare l’oppressione, promuovere uguaglianza senza pretendere l’uniformità, mantenendosi liberi. Ci vuole coraggio oggi, anche nella nostra diocesi e nelle nostre comunità, per mantenere l’unità, sentirsi uniti l’uno all’altro, pur nelle diversità delle nostre opinioni, delle nostre sensibilità e visioni.

Io voglio, noi vogliamo essere parte di questo nuovo ordine inaugurato da Cristo. Vogliamo chiedere a Dio quel coraggio. Vogliamo essere vittoriosi sul mondo, assumendo su di noi quella stessa Croce, che è anche nostra, fatta di dolore e di amore, di verità e di paura, di ingiustizia e di dono, di grido e di perdono.

Prego per tutti noi, e in particolare per la piccola comunità di Gaza, che più di tutte sta soffrendo. In particolare, il nostro pensiero va ai 18 fratelli e sorelle periti recentemente, e alle loro famiglie, che conosciamo personalmente. Il loro dolore è grande, eppure, ogni giorno di più mi rendo conto che loro sono in pace. Spaventati, scossi, sconvolti, ma con la pace nel cuore. Siamo tutti con loro, nella preghiera e nella solidarietà concreta, ringraziandoli della loro bella testimonianza.

Preghiamo infine per tutte le vittime innocenti. La sofferenza degli innocenti davanti a Dio ha un valore prezioso e redentivo, perché si unisce alla sofferenza redentrice di Cristo. Che la loro sofferenza avvicini sempre di più la pace!

Ci stiamo avvicinando alla solennità della Regina di Palestina, la patrona della nostra diocesi. Quel santuario fu eretto in un altro periodo di guerra, e fu scelto come luogo speciale per pregare per la pace. In quei giorni riconsacreremo nuovamente la nostra Chiesa e la nostra terra alla Regina di Palestina! Chiedo a tutte le chiese nel mondo di unirsi al Santo Padre e a noi nella preghiera, e nella ricerca di giustizia e pace.

Non potremo quest’anno ritrovarci tutti, perché la situazione non lo permette. Ma sono certo che tutta la diocesi sarà unita in quel giorno per pregare unita e solidale per la pace, non quella del mondo, ma quella che ci dona Cristo.

Con l’augurio di ogni bene,

†Pierbattista Card. Pizzaballa

Patriarca di Gerusalemme dei Latini


Shalom





Il sorriso di un bambino

 



 Ho sognato un mondo impermeabile ad ogni ideologia,

in cui non c’è guerra invocata in nome della pace,

non c’è preghiera senza perdono;

  

Ho sognato un mondo

dove chi piange la morte di un ebreo,

piange allo stesso modo, la morte di un palestinese;

dove è impensabile che i crimini di qualcuno,

possano giustificare e legittimare i crimini di qualcun altro;


Ho sognato un mondo

dove la sacralità della vita non dipende dal colore della divisa

o dalla lingua delle tue preghiere.

dove chi prega il rosario, non respinge con arroganza forestieri e migranti aizzando sospetti, divisioni, paura e ostilità;

 

Ho sognato un mondo

senza discriminazioni in nome della lotta alla discriminazione,

dove l’anticonformismo non è solo una facciata, conformata al pensiero dominante,

dove si è disposti ad ascoltare chi la pensa in maniera differente.

 

Ho sognato un mondo

dove chi difende la vita dei panda in estinzione, non favorisce l’aborto e l’eutanasia come scelte di civiltà;

dove chi difende la vita nel grembo materno, si schiera, con la stessa passione, al fianco dei clochard, delle prostitute, degli zingari, dei poveri, dei carcerati e degli stranieri;

 

Ho sognato un mondo

dove le nuove generazioni sensibili all’ambiente sono anche disposte a rinunciare a qualcosa del loro esigente e conformista stile di vita;

dove chi si schiera accanto ai poveri, agli zingari, ai rifugiati, ha a cuore anche la tutela della vita dei più deboli, indifesi e portatori di handicap, in ogni momento, dal concepimento fino alla morte;

 

Ho sognato un mondo

in cui tutti si sentono corresponsabili della custodia della bellezza e riverenza della vita; un mondo assetato di pace, giustizia ed equità, capace di guardare chi è diverso come un fratello, nel profondo rispetto di tutta la meravigliosa ricchezza della grande famiglia umana; 

 

Ho sognato un mondo,

illuminato dal sorriso di un bambino in braccio ad una mamma

 

Francesco Astiaso Garcia

Il mondo sta precipitando, IO CHE FAREI?

 


TI INVITO giovedì 5 ottobre 2023 alle ore 17:30, presso Palazzo Maffei Marescotti in Via della Pigna 13, Roma:

 

L'umanità ferita è in cerca di bellezza; ogni artista deve interrogarsi sul senso e lo scopo del prezioso dono che la provvidenza ha messo nelle sue mani! Gli artisti sono chiamati a dare acqua all’umanità, a far battere il cuore del mondo, niente di ciò che è umano ci può essere estraneo!

 

Dopotutto chi è l'artista nel nostro immaginario collettivo? L'artista è colui che esce dagli schemi, colui che sa liberarsi dal peso della cultura dominante, che sa vivere in proprio rompendo con tutte le convenzioni, le ipocrisie, le gabbie di normalità che gravano come macigni su tutte le società. 

 

Di questo e altro vi parlerò GIOVEDI’ e con l’occasione inaugureremo una bella mostra d’Arte Sacra, nella galleria sottostante, VI ASPETTO, l’incontro è aperto a tutti!