Il Rispetto della Vita


MEMENTO ( RWANDA)- Olio su Carta appl. su tavola

Due anni fa sono stato invitato ad esporre alcuni quadri in una mostra che aveva come tema " Il Rispetto della Vita" ;
ho accettato volentieri perché sento la pittura come un canale privilegiato per parlare al cuore dell’ uomo.

L’ accostamento dei quadri che ho portato ha fatto molto discutere.
Si trattava di quattro opere, due sull’ aborto, una sul genocidio in Ruanda e una raffigurante un crocifisso trasfigurato.

Cos’ è che ha infastidito tanti e non è stato  accettato al punto da ritenere necessaria una censura?
L' accostamento tra l’ aborto e il massacro tra Utu e Tuzi nel quale vennero uccise sistematicamente (a colpi di armi da fuoco, machete e bastoni chiodati) tra 800.000 e 1.000.000 di persone.

Cosa significa rispettare la vita?
Ci sono vite che valgono di più e vite che valgono di meno ?

Perchè il genocidio in Ruanda è universalmente riconosciuto come un orrore che non si dovrà più ripetere mentre l' aborto è ritenuto da tanti un diritto necessario a garantire il "rispetto della vita".


ABORTO - Carboncino e Olio su Carta app. su Tavola

Cos' è allora il rispetto della vita? Chi lo stabilisce?

Io mi limito a raccontare una storia di vita;
Il crocifisso che avevo dipinto
è stato rimosso e ai due quadri sull' aborto è stato cambiato il titolo,
ritenuto troppo forte.

Recentemente ho letto un messaggio di Papa Francesco molto chiaro al riguardo:

"...non è progressista pretendere di risolvere i problemi eliminando una vita umana, è il comportamento dei mafiosi: c' è un problema, facciamo fuori questo.
Occorre prendersi cura dei più deboli...tra questi deboli ci sono anche i bambini nascituri che sono i più indifesi e innocenti di tutti, ai quali oggi si vuole negare la dignità umana al fine di poterne fare quello che si vuole, togliendo loro la vita e promuovendo legislazioni in modo che nessuno possa impedirlo; non è una questione di modernità, perchè nel pensiero antico e nel pensiero moderno la parola uccidere significa lo stesso.
Il gradi di progresso di una civiltà si misura proprio dalla capacità di custodire la vita, soprattutto nelle sue fasi più fragili e di combattere contro gli attentati alla vita in tutti i suoi aspetti:
E' attentato alla vita la piaga dell' aborto. E' attentato alla vita lasciar morire i nostri fratelli sui barconi nel canale di Sicilia. E' attentato alla vita la morte sul lavoro perchè non si rispettano le minime questioni di sicurezza. E' attentato alla vita la morte per denutrizione. E' attentato alla vita il terrorismo, la guerra, la violenza; ma anche l' eutanasia.
Amare la vita è sempre prendersi cura dell' altro, volere il suo bene, coltivare e rispettare la sua dignità trascendente".


A mio parere viviamo in una società fortemente ipocrita e buonista, dove spesso si predilige il rispetto di un toro da corrida a quello di un bimbo in gestazione, farlo notare rientra nei compiti non popolari di un artista che cerca la verità e la bellezza ; dobbiamo sempre saperci schierare dalla parte dei più deboli, dalla parte dei più piccoli, dobbiamo fare scelte coraggiose e sapere andare controcorrente!


ABORTO (Particolare)

STIGMATE - Olio Su Tela

Nessun commento:

Posta un commento