misericoRdia



























Qualche mese fa, mi hanno invitato a partecipare alla realizzazione di una grande installazione in omaggio a Papa Francesco sul tema della misericordia, in occasione del Giubileo in corso.
Mi hanno chiesto anche una breve riflessione che avrebbe accompagnato l'opera (esposta attualmente accanto al ponte degli angeli del Bernini).
Ho scelto la crocifissione di Cristo vista attraverso gli occhi di Maria, ai piedi della croce, per "parlare" della misericordia. La croce è l'apice della natura della giustizia di Dio; l'atto supremo di misericordia. La realizzazione dell'uomo è nell'amore, nella libertà di donarsi e di spendersi per gli altri. Ogni uomo vorrebbe avere una vita piena di amore, ma sperimenta presto di non saper amare. 
Nessun uomo può realizzarsi veramente ed essere felice nell'egoismo, perché noi siamo stati creati a immagine di Dio. Non possiamo volgere le spalle al dolore, non possiamo essere indifferenti alle sofferenze, alle miserie, agli errori, alla solitudine e all'angoscia dei nostri fratelli. Chi può coprire la distanza che separa l'uomo perduto, peccatore, morto, dal Dio vivente? L'uomo, da solo, non può farlo; la misericordia è l'identità di Dio, la sua capacità di raggiungerci. Quando la vita di Dio passa attraverso noi, l'uomo diventa capace di portare il frutto che rimane. Questa è la Buona Notizia, la gratuità della grazia divina manifestata in Cristo Gesù, morto e risorto per la nostra salvezza, per noi peccatori che camminiamo nel mondo senza conoscere la luce della verità. Accogliere questo annuncio significa accogliere la grazia divina e poter amare come non ci era possibile prima e sperimentarne la felicità e la pienezza! 
Dio non ci comanderebbe di volare se non ci avesse anche dotato di ali. La grazia ci libera dalla schiavitù che ci obbligava ad offrire tutto a noi stessi, imprigionati nella paura del futuro, della malattia, dell'incertezza e della morte. Non si tratta di aggiustare un po' l'uomo, ma di farlo rinascere, di farlo risorgere; non possiamo essere misericordiosi, se prima non siamo raggiunti dalla misericordia...Maria, madre di misericordia, aiutaci tu.
"L' uomo non è lasciato solo a tentare in mille modi spesso frustrati un' impossibile scalata al cielo. Divino e umano s' incontrano in un abbraccio che non potrà mai essere sciolto: il verbo si è fatto carne, Egli versa la divinità nel cuore malato dell'umanità e infondendovi lo Spirito del Padre la rende capace di diventare Dio per grazia."  Giovanni Paolo II





Nessun commento:

Posta un commento