In Ucraina fermiamo il piano inclinato della guerra !


la ‘pistola annodata’ di Carl Fredrik Reuterswärd esposta 
all'ingresso del Palazzo delle Nazioni Unite a New York



Qualche giorno fa, su "Il Foglio", ho letto un'interessante intervento del Prof. Vittorio Emanuele Parsi circa la guerra in Ucraina. Parsi afferma:

"Il problema non è fermare la guerra ma fermare Putin, solo fermando Putin, la guerra si ferma. L'idea che si debba fermare la guerra fermando gli ucraini è come dire che, di fronte a uno stupro, serva un matrimonio forzato".

Questo esempio così forte e crudo mi ha spinto all'immedesimazione! La mia prima reazione, come marito e padre, è stata di profonda indignazione; di fronte a questa orribile condizione di ingiustizia è impensabile poter dialogare, accettare compromessi o prendere accordi con il carnefice delle persone che più amiamo al mondo!

Ma l'esempio del Prof. Parsi non è esemplificativo fino in fondo. Sarebbe piuttosto un altro, l'esempio dolorosamente più appropriato, dal quale sorge una drammatica domanda: 

Nel malaugurato caso in cui qualcuno entri in casa nostra, stupri nostra moglie e uccida alcuni dei nostri figli, continuando poi a girare armato per casa, cosa farebbe un buon padre di famiglia, impossibilitato a fermare ragionevolmente l'aggressore?

Riflettendo meglio non ho dubbi: Farebbe tutto quello che è in suo potere fare per limitare l'orrore, e salvare quanti più figli possibile, tra quelli rimasti ancora vivi, costi quel che costi! Forse questo intendeva dire Papa Francesco quando ha detto: “Il dialogo con la Russia? Puzza, ma si deve fare”, perché facendo il contrario “chiudiamo l’unica porta ragionevole per la pace”.   

Il buon padre di famiglia deve discernere e cercare sempre il bene della famiglia, e quando il bene non è possibile, deve accettare anche di considerare, per amore, il male minore, altrimenti tutto precipita. È per questo che, pur stimando molto Ernesto Che Guevara, non posso essere d'accordo con il suo motto "hasta la victoria siempre", perchè l'amore vale più dell'onore, l'amore supera ogni ideologia o nobile proposito e solo l'amore può interrompere l'orribile spirale di violenza a cui stiamo assistendo attoniti!

Nella drammatica situazione attuale ovviamente non c’è spazio per soluzioni semplici e indolore. Una cosa però è la resa, altra cosa, è fare tutto, sottolineo TUTTO, quanto è possibile per trovare un qualche punto di incontro per limitare i danni, a maggior ragione ora che si gode di un vantaggio strategico, e forse, è interesse anche della Russia considerare una trattativa per nascondere, almeno in parte, la sconfitta.

Tra una resa incondizionata, la scelta di combattere ad oltranza, costi quel che costi, o piuttosto accettare di non chiudere drasticamente il dialogo, per quanto doloroso, c’è una differenza sostanziale, proprio su questa differenza ci stiamo giocando il futuro dell’umanità. Non possiamo permetterci la soluzione: o la va o la spacca!

Dobbiamo certamente constatare quanto delicata e complicata sia la definizione di “male minore” e sono d’accordo con chi dice che tra le conseguenze di una trattativa si avrebbero, ANCHE, ripercussioni negative lì dove criminali, presenti e futuri, si illudessero di trarre vantaggio dalla prevaricazione e dalla violenza. 

Ma il punto è proprio questo: la definizione stessa di male minore comprende la necessità di assumere dei rischi e dei compromessi per evitare un male addirittura peggiore. L’unica cosa certa oggi è che ormai non possiamo più permetterci il lusso di scegliere tra un bene e un male, questo è il vero dramma, la storia ci costringe a scegliere il male minore. 

Di fronte ad un sequestro di ostaggi, non si ha forse il dovere di stabilire un contatto con l'assassino, facendo tutto quanto sia possibile per tutelare chi è ancora in vita? Solo dopo si parlerà della pena e delle responsabilità. Possiamo anche non essere d'accordo con l'adagio di Erasmo da Rotterdam secondo cui: "la pace più ingiusta è migliore della guerra più giusta", ma dobbiamo necessariamente domandarci: Quante persone potrebbero ancora morire in Ucraina di fronte alla nostra illusione di sconfiggere un criminale armato di atomica disposto al tutto per tutto in caso di sconfitta? Senza contare in questo caso le vittime collaterali in Europa, America, Russia…

Vince la guerra quando perdiamo la fiducia nel realismo della diplomazia, vince la guerra quando ogni sforzo verso il dialogo e il negoziato viene considerato scandaloso! Senza banalizzare il dramma, ne sottostimare l’orribile ingiustizia, dalla quale è lecito difendersi, per amore di chi amiamo, per amore dei nostri figli salviamo il salvabile, fermiamo il piano inclinato della guerra!

Francesco Astiaso Garcia


Per amore dei nostri figli SALVIAMO IL SALVABILE 

fermiamo il piano inclinato della guerra !




"L'aeroplano" 
dedicata ai bimbi separati dal proprio papà a causa della guerra
dedicata ai papà separati dai propri bimbi a causa della guerra 

Il Contributo degli artisti al Sinodo


La Presidenza Ucai al completo assieme al Cardinal Matteo Zuppi


Qualche giorno fa, abbiamo avuto un bellissimo incontro con il nuovo Presidente della CEI, il Cardinal Matteo Zuppi. È stato molto utile ed edificante poter parlare con lui del futuro della pastorale dell’Arte in Italia. Tra le tante cose belle che ci ha detto, quella che mi rimane di più, e voglio condividere con voi, è questa: “Siate audaci, siate creativi…dovete coinvolgere i “Pasolini” di oggi, non abbiate alcun timore”.

Su una cosa ci siamo trovati tutti d'accordo: il contributo degli artisti al Sinodo in corso è tutt'altro che accessorio e ornamentale; come disse San Giovanni Paolo II rivolgendosi all’Ucai: "il vostro ruolo culturale e spirituale è da intendersi come bene primario per la crescita e l'armonia di una comunità intesa nei suoi valori compitamente umani"

In pochi punti proverò a riassumere quello che sarà il contributo dell'Ucai al Sinodo in corso:

        1.    LA BELLEZZA, LA LITURGIA E LA NUOVA EVANGELIZZAZIONE

Ha ripetuto più volte Papa Francesco – “non si può educare senza indurre il cuore alla bellezza, un’educazione non è efficace se non sa creare poeti”. Nel cammino verso un patto educativo globale – indispensabile di fronte a una dilagante frammentazione sociale e culturale – l’apporto degli artisti è fondamentale per far riscoprire quella sensibilità che apre il cuore al mondo intero, bisognoso di armonia e di speranza. L'Ucai partecipa al fine apostolico della Chiesa e alla Nuova Evangelizzazione con la catechesi degli artisti e la diffusione della fede cattolica attraverso le varie forme di espressione artistica, ben coscienti che la Chiesa non cresce per proselitismo ma per attrazione. L’approfondimento del rapporto tra gli artisti e la liturgia è da sempre per noi di prioritaria importanza.

 

2.    LA QUESTIONE DEI LINGUAGGI

Nella realizzazione del cantiere sinodale dovremmo misurarci con la questione dei linguaggi…Papa Francesco ha detto recentemente: "se autentico l’artista, sa Parlare di Dio meglio di chiunque altro". L'arte è un linguaggio che unisce i popoli poiché come diceva Henry Miller, non insegna nulla tranne il senso della vita.

L’arte porta in sé stessa un valore universale e condiviso che ci avvicina a qualcosa di più grande, qualcosa che va oltre i confini, le culture, le fedi e le appartenenze; se l'arte è lo splendore della bellezza e la bellezza è lo splendore della verità, l'arte ci mette in relazione con qualcosa o Qualcuno che trascende i popoli e li fa comunicare nell’ammirazione, lasciandoci intuire che quanto ci unisce è più grande di quanto ci divide.

In un clima da guerra fredda, è quanto mai urgente e necessario il fuoco dell'arte per stemperare il gelo e riscoprirci fratelli e coinquilini del mondo; In quest’ottica la bellezza costituisce la più alta forma di diplomazia spirituale, Il dialogo, illuminato dalla bellezza, riesce con facilità a superare confini, chiusure e pregiudizi; perché, come ci insegna la sapienza cinese, due fiumi riflettono la stessa luna, e noi sappiamo che la luce riflessa in entrambi proviene dall’unico Sole, Cristo Risorto!

 

3.    L’ARMONIA NELLA DIFFERENZA

L’arte è maestra nell’accoglienza delle differenze perciò gli artisti rivestono un ruolo di fondamentale importanza nel favorire la sintonia tra persone e comunità di provenienze diverse. La bellezza non è mai assenza ma equilibrio di contrasti, la bellezza è armonia nella differenza. “Il modello è il poliedro, che riflette la confluenza di tutte le parzialità che in esso mantengono la loro originalità”. (Evangelii Gaudium)

Il desiderio di bellezza in fondo è anelito di unità. Questa unità è reale quando ciascun essere svolge la funzione che gli è propria, quando può dare ciò che è al mondo. L’unità esige paradossalmente la differenza e questo la distingue dall’uniformità.


4.    IL NUOVO SGUARDO SUL MONDO

Circa la cura della nostra casa il contributo degli artisti è unico e insostituibile. Noi artisti cristiani dell'Ucai abbiamo ricevuto dal nostro fondatore San Paolo VI il mandato di "custodi della bellezza del mondo". L’arte, attraverso la bellezza, può aiutarci ad aprire gli occhi, per vedere noi stessi, il mondo che ci ospita e l’amore di Dio. Inequivocabili, a tal proposito, le parole di Papa Francesco: “La crisi ecologica che stiamo vivendo è anzitutto uno degli effetti di questo sguardo malato su di noi, sugli altri, sul mondo, sul tempo che scorre; uno sguardo malato che non ci fa percepire tutto come un dono offerto per scoprirci amati”. 

La nostra risposta alla crisi sociale ed ecologica comincia proprio dal desiderio di FAVORIRE UN NUOVO SGUARDO, necessitiamo un nuovo sguardo, lo sguardo di San Francesco, uno sguardo contemplativo che ci permetta di riscoprire il sacro, di tornare a vedere il cielo che ci stanno chiudendo! Mi chiedo con Bob Dylan: "Quante volte un uomo deve guardare in alto prima di riuscire a vedere il cielo?

Come ci insegna il maestro e amico Marco Ivan Rupnik: "Siamo chiamati a suscitare voglia e appetito nel mondo per una vita nuova, e la nostra fede non è altro che accoglienza di questa vita nuova. Dobbiamo coinvolgere le persone in un desiderio di vita nuova. Una religione moralistica che si è prosciugata non serve più. Solo il Padre sa qual è il frutto vero che deve portare una persona e non dimentica mai che l’obiettivo finale non è il grappolo ma il vino. Per questo non dobbiamo innamorarci dell’uva, ma guardare sempre al vino".

 Francesco Astiaso Garcia

 

 

 


COS'E' L'UOMO PERCHE' TE NE CURI ?





Trascrizione dell'intervento di Francesco Astiaso Garcia durante il Convegno sulla valenza terapeutica delle discipline visive come mezzi per il benessere psico-fisico, presso il Centro Congressi Fondazione Santa Lucia il 29 ottobre 2022:

Buonasera a tutti,

mi è stato chiesto di dire qualcosa sul rapporto tra l'uomo, l'arte e l'anima. Vorrei partire dalla splendida massima di Terenzio: “Niente di ciò che è umano mi è estraneo".

Quanto sarebbe bello poter dire lo stesso! Ci interessa, ci sta veramente a cuore tutto ciò che è umano? Ci troviamo dentro un importante ospedale, e voi medici ci insegnate che restiamo veramente umani, solo quando avvertiamo come nostre le fatiche dell'umanità.

Quando parliamo dell'uomo, dobbiamo parlarne nella sua totalità; non possiamo parlare di un occhio, limitandoci a descrivere l’iride, la retina e la pupilla senza parlare della vista, che ne esprime l'essenza; così non possiamo parlare dell'uomo e del suo corpo, senza parlare anche della sua anima, che ne esprime l’essenza!

È importante non ridurre tutto ad un'esistenza fisiologica, l'uomo ha una sua dimensione corporea e fisica e una sua dimensione psichica e spirituale. In un’intervista recente il Dalai Lama ha detto: “Questa è l’epoca in cui si mette tutto in mostra alla finestra per occultare il vuoto della stanza", il problema dunque non è tanto cosa si metta in mostra alla finestra, quanto piuttosto il contenuto della stanza. Uno dei grandi drammi dell’uomo del nostro tempo è quello di non credere più alla grandezza della propria anima.

Solo conscendo l'uomo possiamo prenderci cura dell'uomo; oggi tutti parlano della necessità urgente di un nuovo umanesimo, dobbiamo allora intenderci su ciò che sia propriamente umano.

“Che cos’è l’uomo perché te ne curi, il figlio dell’uomo perché te ne dia pensiero?", chiede a Dio il salmista, rimarcando la pochezza e la fragilità dell'esistenza umana. Aggiunge però subito dopo: "Eppure lo hai fatto poco meno degli angeli, di gloria e di onore lo hai coronato”, testimoniandone allo stesso tempo la grandezza e lasciandoci intuire la destinazione gloriosa che ci attende. La verità sull'uomo comprende entrambe queste fondamentali dimensioni.

La bellezza dei corpi passa fugacemente ma l'uomo è molto di più di un corpo che nasce, invecchia, si ammala e muore, è molto di più di una presenza estetica che tende al disfacimento. C'è un vecchio proverbio amerindo che dice: "Se a un uccello tagli il becco, le piume e gli artigli non rimane niente, se a un uomo tagli le braccia, le gambe e le mani rimane sempre un uomo". Dov’è allora la bellezza che non passa? Come definire questa bellezza non offesa dal tempo?

Sant’ Agostino ne dà una definizione meravigliosa: “Noi non amiamo che il bello, ma che cos'è il bello? E cos'è la bellezza? Cosa ci attrae e ci avvince agli oggetti del nostro amore? Che significa vedere nell' intimo? Significa vedere ciò che non è colore, che non è suono, che non è odore, che non è sapore, e neppure calore, o freddo, o morbidezza, o durezza...Ciò che il luogo non circoscrive e risuona, ciò che il tempo non porta via e profuma, ciò che il vento non disperde e ha sapore, ciò che la voracità non fa diminuire e rimane stretto nell' amplesso, ciò che la sazietà non respinge. Non appare forse a tutti questa bellezza?…e allora perché non parla a tutti egualmente?”

Per vedere la bellezza dell’uomo in senso pieno occorre l’amore, l’amore rivela una nuova dimensione del vedere. Quanto più amiamo, tanto più saremo capaci di vedere, se invece non amiamo saremo altrettanto ciechi o corti di vedute.

Può sembrarvi un concetto un po’ forzato eppure non mi sto inventando nulla di strano, già i latini usavano l'espressione “Ubi amor, Ibi oculus”, lì dove c’è amore, lì ci sono anche gli occhi per vedere, vedere veramente.

Forse abbiamo gli occhi annebbiati e non vediamo più la meraviglia della vita dell’uomo. Tuttavia per il fatto che i ciechi non vedono, non possiamo concludere che la luce del sole non brilli...non c'è luna che possa brillare senza sole, anche qualora ne ignorasse o peggio negasse l'esistenza.

È qui che capiamo perché sono fondamentali gli artisti, Il poeta Gilbert Keith Chesterton disse: "La dignità dell'artista sta nel suo dovere di tenere vivo il senso della meraviglia del mondo. Il mondo non perirà per mancanza di meraviglie, il mondo perirà per mancanza di meraviglia!"

Per dipingere l'uomo bisogna conoscere l'uomo, un ritratto è il paesaggio dell'anima della persona dipinta. Non si può dipingere un ritratto senza aver amato, senza aver sofferto, senza aver vissuto, sarebbe come scrivere la biografia di un uomo che non abbiamo conosciuto o disegnare la mappa di un luogo che non abbiamo visitato.

Lo sguardo dell'artista deve penetrare tutto, come la pioggia che quando cade vigorosa non risparmia nulla. Da anni cerco la maniera di rappresentare il ritratto e la figura umana in modo da fissarne sulla tela l’essenza spirituale e rendere visibile l’invisibile presenza del divino.

Quando scopriamo la nostra divina somiglianza si aprono per noi le porte del cielo, quelle porte che hanno spinto il povero Jim Morrison a chiamare il suo gruppo "The Doors" in omaggio al poeta William Blake, che scrisse: "Quando le porte della percezione saranno aperte, vedremo l'uomo così com’è: infinito". La vera iconoclastia consiste in tutto ciò che distrugge nell’uomo la divina somiglianza.

Qualche anno fa mi è capitato di leggere un'interessante scritto di Santa Teresa d’Avila, nel quale, la grande mistica spagnola sfida apertamente gli artisti: “L’amore ha impresso nella mia anima un’immagine di te Altissimo, così bella, che nessun pittore, per quanto sapiente, sarebbe capace di rappresentare”. La sfida è grande, vedere in ogni essere umano come luogo d'incontro di corpo e spirito.

Da anni cerco una sintesi tra la modernità e la tradizione, tra i canoni della bellezza classica e le avanguardie della pittura del nostro tempo che mi permetta di portare lo spettatore verso una dimensione più profonda. Per mezzo del disegno e della forma cerco la rappresentazione anatomica dell'uomo e attraverso la pittura astratta ed informale cerco la fisiognomica, i moti dell’animo, il suo mondo interiore.

I volti che dipingo sono trasparenti quasi eterei, cerco un equilibrio tra il nascondere e il rivelare che conferisca al ritratto fragilità e leggerezza. L’evanescenza è il simbolo dell’irraggiungibile, la cifra stilistica dell’eterno.

L’esistenza è costantemente esposta al sacro, ma la facoltà di vedere dell’uomo è drammaticamente in declino. Abbiamo perso lo sguardo contemplativo sul mondo, lo sguardo capace di aprire una finestra sull’eternità e di unire tutto e tutti, di capire l’interdipendenza degli uomini e il loro comune destino; di vedere veramente che tutto è connesso!

Siamo in grado di decifrare in modo microscopico tutto ciò che esiste, siamo in grado di analizzare la composizione chimica, di misurare le proprietà energetiche di ogni cosa ma non siamo più in grado di discernere i nessi che esistono tra le miriadi delle cose create; Senza la luce divina, l’uomo vede l’universo a immagine del proprio decadimento.

Per risollevare l'uomo dalla sua desolata condizione esistenziale è certamente necessario discutere di politica, di economia o ecologia ma è ancora più urgente e indispensabile rivelare all'uomo la verità su se stesso, la sua sacralità e dignità: ogni uomo porta in se l'eternità!

L'umanità di tutti i tempi, anche quella di oggi, aspetta di essere illuminata sul proprio cammino e sul proprio destino. Bisogna risvegliare nell'uomo la nostalgia di Dio, di pienezza, di giustizia, di senso e di bellezza. Solo allora avverranno spontaneamente le riforme e i cambiamenti necessari per uscire dalle tante crisi del nostro tempo.

Saint-Expupéry esprime molto bene questo concetto:

"Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito

 Francesco Astiaso Garcia



 

IL VALORE TERAPEUTICO DELL'ARTE

 


Cari amici, sono lieti di invitarvi, domani, VENERDI’ 28 OTTOBRE, alle 17:00, presso il Centro Congressi Fondazione Santa Lucia (via Ardeatina 354, Roma) dove si terranno alcune LEZIONI MAGISTRALI SULL’ARTE. Sono stato invitato anche io come relatore, per parlare di ARTE E ANIMA.

Tutti gli interventi porranno l’accento sulla valenza terapeutica delle discipline visive come mezzi per il benessere psico-fisico dei diversi fruitori. Per l’occasione, abbiamo allestito una mostra collettiva, di pittura, sugli argomenti trattati. Vi scrivo di seguito il programma del CONVEGNO GRATUITO E APERTO A TUTTI:

 

Presentazione dei contenuti della giornata

Arch. AMELIA MUTTI, esperta in architettura sanitaria e Artista

 

-ARTE E ANIMA

Artista FRANCESCO ASTIASO GARCIA, Segretario Nazionale dell’Unione Cattolica Artisti Italiani

 

-ARTE E SPAZIO

Prof. Arch. RUGGERO LENCI, presso la facoltà di ingegneria, Università “La Sapienza” di Roma e Artista

 

-ARTE E UMANIZZAZIONE: IL REPARTO PEDIATRICO

Arch. EMANUELA VALLE, progettista Studio Valle 3, Roma

 

-ARTE E INTELLIGENZA ARTIFICIALE: ricadute sulle strutture sanitarie

Dott. MASSIMO D’ANGELO, statistico economico, presidente Neurospritz e Artista

 

Conclusioni

Prof. Arch. FRANCO PURINI, saggista e docente universitario italiano e Artista

La via della bellezza e il dialogo con la Cina

Il 3 settembre scorso, la Fondazione Internazionale Padre Matteo Ricci ha inaugurato, presso il Foyer del Teatro Lauro Rossi di Macerata, la mostra fotografica di Francesco Astiaso Garcia con la contestuale presentazione del volume "Epifanie. La via della bellezza come dialogo con la Cina". Subito dopo si è tenuto il concerto dell'orchestra internazionale "Limadou" dell'Istituto Italiano di cultura di Bruxelles, con musiche originali fusion tra Oriente e Occidente.

Trascrizione del discorso di Francesco Astiaso Garcia:

Oggi Stiamo andando decisamente contro corrente, in un mondo che si polarizza, si chiude e si divide, siamo qui, questa sera, a parlare di amicizia tra i popoli, di amicizia fra oriente e occidente. In un mondo che sembra aver perso ogni punto di riferimento e relativizza ormai ogni cosa, siamo qui a parlare di bellezza. In un mondo sconvolto da guerra pandemia, crisi climatica ed economica parlare di bellezza può sembrare fuori luogo, sconveniente, inutile e quasi provocatorio; eppure il mondo ha bisogno più che mai di bellezza, di senso, di sapore e amicizia, per non sprofondare nella disperazione.  

Papa Francesco ha detto recentemente: "se autentico l’artista, sa Parlare di Dio meglio di chiunque altro". Come mai ? possiamo chiederci...perché l'arte è un linguaggio che unisce i popoli!

Quando consideriamo il canone nell’arte come una scoperta e una verità obiettiva piuttosto che un’invenzione o un espediente umano, l’arte stessa acquista un valore universale e condiviso che ci avvicina a qualcosa di più grande, qualcosa che va oltre i confini, le culture, le fedi e le appartenenze. Se l'arte è lo splendore della bellezza e la bellezza è lo splendore della verità, l'arte ci mette in relazione con qualcosa o Qualcuno che trascende i popoli e li fa comunicare nell’ammirazione, lasciandoci intuire che quanto ci unisce è più grande di quanto ci divide.

In un clima da guerra fredda, è quanto mai urgente e necessario il fuoco dell'arte per stemperare il gelo e riscoprirci fratelli e coinquilini del mondo; In quest’ottica la bellezza costituisce la più alta forma di diplomazia spirituale, poiché come ci insegna la sapienza cinese, due fiumi, per quanto diversi, riflettono la stessa luna.

Questa sera siamo qui per continuare a tenere accesa la fiamma dell’eredità di Matteo Ricci, e Dio solo sa quanto sia urgente!

Ciò che ci spinge non è l’amore all’arte o alla cultura, ciò che ci spinge è l’amore all’uomo, l’amore autentico del Vangelo che ha ispirato Matteo Ricci e lo ha portato ad abbracciare l’estremo oriente.

Il futuro del mondo dipende da quanto sapremmo cogliere e attualizzare il suo insegnamento e Macerata se lo vorrà potrà avere un ruolo decisivo.















Mostra di "pittura" Sottomarina

Sono tante le forme di pregiudizio sull’arte moderna, specialmente nei confronti della pittura astratta, molte persone sono prevenute, e pensano che sia il rifugio di chi non sa disegnare o quantomeno sia una scelta più facile e veloce per convincere qualcuno di essere un artista.

Il pregiudizio nasce dall’idea che possiamo considerare artista solo chi sa copiare la natura; questo di per sé non è sbagliato ma spesso e volentieri abbiamo un’idea superficiale e limitata del concetto di natura!

Quando ho iniziato a dipingere, da bambino, sentivo il bisogno di rappresentare quello che vedevo: mia madre, i miei nonni, un cavallo, una barca capovolta sulla spiaggia; i miei punti di riferimento erano soprattutto i pittori classici. L'attenzione per la bellezza ravvicinata della natura mi ha spinto ad amare i particolari delle cose nei quali ho trovato il gusto e il senso dell'arte astratta e informale. Ho scoperto che ci sono tante forme di dipingere una mela; possiamo tracciare un contorno rappresentando il frutto attraverso un'iconografia simbolica o scegliere di rappresentare un particolare della buccia con tutte le vibrazioni e le sfumature di colore. Qual è dunque l'arte astratta e quale quella figurativa? Non vi pare che in entrambi i casi il desiderio sia quello di essere fedeli alla natura?

Paul Cezanne disse che avrebbe conquistato Parigi con una mela, ricordando a tutti che non è il soggetto rappresentato a fare di un pittore un artista ma la maniera di rappresentarlo. In natura non esiste l’astratto e il figurativo, esiste la bellezza con le sue leggi e le sue relazioni che possiamo ritrovare indifferentemente in un volto, o nei dettagli di una foglia, nel nudo di donna o nella buccia di una mela. Cos’è più facile, disegnare fedelmente una mela o dipingere fedelmente i particolari della sua buccia?

L'arte sembra aver perso il desiderio di produrre bellezza, è l'assenza della natura a pesare sull'arte come una malattia mortale. il dialogo con la natura resta per l'artista, condicio sine qua non.

Scrisse Matisse: La gente che fa dello stile per partito preso e si allontana volontariamente dalla natura resta al margine della verità. Quando un artista dipinge deve avere questo sentimento di copiare la natura. E anche quando se ne sia allontanato, deve restargli la convinzione di averlo fatto per renderla più pienamente.

 

In poche parole, l'arte per essere arte non può limitarsi a comunicare, deve comunicare attraverso la bellezza. È artista chi copia la natura, anche inconsapevolmente.

Ogni opera d’arte autentica, astratta o figurativa, antica o contemporanea, è in qualche modo un de-ja-vù della natura, un’icona che come uno specchio ricompone la realtà attingendo alla fonte. L’arte è lo splendore della bellezza, la bellezza è lo splendore della verità, l’artista continua l’opera del Creatore e torna alle origini ricreando le leggi della Natura.

Il pittore dovrebbe porsi di fronte alla natura come uno scienziato che ne analizza e approfondisce le leggi, come un chimico che studia la materia. Tutto in natura è una perfetta relazione d'armonia. Ogni autentica opera d'arte è una perfetta equazione matematica, non possiamo cambiare nulla senza che salti tutto.

Qualche anno fa ho trovato in un mercatino di libri usati a "Porta Portese" un vecchio libro di fotografie sottomarine molto suggestive. Ieri a studio mi sono divertito a fotografarne dei particolari ravvicinati, estrapolando dettagli, sfumature e composizioni che inevitabilmente ci ricordano la grande pittura contemporanea.

La conclusione è disarmante nella la sua evidenza:

Tutta l'arte moderna, quella autentica, è nella natura!

Francesco Astiaso Garcia

 



























BUONA FESTA DELLA MUSICA!


Cari amici, BUONA FESTA DELLA MUSICA!
Per questo giorno così speciale ho pensato di condividere con voi questo emozionante incontro tra i miei dipinti e lo splendido brano di Ilaria Della Bidia che esce proprio oggi.

La Festa della Musica (Fête de la Musique, Fiesta de la Musica, Music Day or World Music Day….) è una celebrazione che si tiene ogni anno il 21 giugno. E’ un giorno in cui vorremmo che la musica si diffondesse ovunque: dalle strade, alle piazze, ai luoghi meno consueti. I concerti sono generalmente ad ingresso libero.
L’idea di un’occasione per celebrare il solstizio d’estate in un linguaggio universale si deve a Jack Lang, Ministro della Cultura francese, insieme a Maurice Fleuret. Dalla prima edizione parigina del 1982 si è ormai giunti ad un appuntamento che coinvolge circa 120 paesi di tutto il mondo.
L’edizione italiana del 2022 è dedicata alla memoria del giornalista e politico David Sassoli, che ha tenuto la Presidenza del Parlamento Europeo fino alla morte.
VIVA LA MUSICA, VIVA L’ARTE, VIVA LA VITA!